Lavastoviglie, i migliori modelli a confronto

Vi siete stufati di lavare a mano caterve di piatti, bicchieri, pentole e padelle? Non vi è saltato in mente che forse potreste evitarlo delegando l’odioso compito a una lavastoviglie? Sì, ma quale? Che fare per scegliere la migliore lavastoviglie sul mercato e, soprattutto, come azzeccare il miglior rapporto qualità/prezzo? Oggi non è così difficile per la valanga di consigli e tutorial che girano in rete e possono darci un’idea di quale prodotto acquistare. Facciamo, allora, un primo elenco di quali sono le peculiarità di una buona lavastoviglie, da cui poter ricavare qualche ‘dritta’ per non sbagliare acquisto. Se siete fermamente convinti a comprare una buona lavastoviglie dovrete considerare un insieme di fattori, che fanno la differenza, anche quelli meno scontati a cui, di solito, non si fa caso, come per esempio la posizione degli attacchi elettrici e di carico/scarico idrico, mentre è d’obbligo, in ogni caso, armarsi di metro per determinare lo spazio necessario all’alloggiamento del nuovo elettrodomestico, a meno che non sia da incasso.

In quest’ultimo caso, state ben attenti a prendere le misure giuste, perché non corrispondono a quelle reali ma devono essere leggermente inferiori al vero, altrimenti vi ritroverete con un modello che non entra nella nicchia preposta all’incasso. A meno che non siate single e, di conseguenza, opterete per un modello ‘micro’ in grado di smaltire pochi coperti a ciclo, dovrete orientarvi sulle lavastoviglie standard che montano fino a 12/15 coperti. Qualora abbiate il pallino del risparmio ricordatevi di scegliere un modello in tripla classe A che assicura un risparmio di acqua ed energia. Se la lavastoviglie è di fascia medio-alta come dimensioni abbiate l’accortezza di scegliere un modello a risparmio energetico, ci sono specifici modelli dotati proprio di questo programma. Se, al contrario, non badate a spese, potrete permettervi uno dei modelli più innovativi e tecnologici provvisto di dispositivo di partenza ritardata e sensori elettronici che si programma da solo in base al carico. Poi ci sono anche lavastoviglie ‘prudenti’ che sfruttano particolari sistemi di sicurezza e innescano un blocco automatico in caso di guasti o rischio di allagamento. Fra i modelli migliori quelli della Electrolux, Ariston e DeLonghi, ma per una panoramica completa sulle ultime novità si rimanda al sito  Scelta Lavastoviglie.